Casamance, tra mistica e tradizione/3: alla festa del Re

Post By RelatedRelated Post

Ogni anno a Oussouye si celebra la festa del Re e della fine della stagione delle piogge. Scopriamola insieme al Re e attraverso le immagini delle danze e del torneo di lotta tradizionale.

Lunedì scorso abbiamo lasciato il Re di Oussouye mentre si dirigeva con la sua delegazione di principi e con quella delle autorità locali al punto del villaggio dove si sarebbe svolta l’Umobel: la festa del re e della fine della stagione calda e umida, durante la quale la popolazione ringrazia Dio per avergli dato acqua sufficiente per un buon raccolto e, in caso contrario, lo prega di averne di più per l’anno seguente.

leggi anche Casamance, tra mistica e tradizione/2: l’incontro con il Re di Oussouye

La festa dura quattro giorni. Durante il primo, è prevista l’apertura: i giovani di tutti i 17 villaggi del Regno escono dal bosco del Re a ritmo di tamburi, alcuni bianchi di borotalco, altri ornati di foglie, ortaggi, gris- gris (gli amuleti) e piume. Tutti hanno in mano rami che agitano fino a raggiungere una delle “piazze pubbliche”, per poi girare in tondo in ordine di età, cantando e ripetendo ritmicamente BOI, BOI, “smettete”: in questo modo, i giovani annunciano l’inizio della festa e intimano a tutto il popolo di smettere di rubare, di fumare e, rivolti alle donne, di interrompere l’utilizzo di prodotti schiarenti sulla pelle.
Intanto, l’odore di erba entra nelle narici, mentre il verde vivo penetra negli occhi di tutti.

leggi anche Boukout: l’iniziazione segreta nei boschi sacri della Casamance

Tutti si chiedono se il Re sarebbe uscito come ci si aspettava: ma la suspense rimane sempre: i suoi movimenti sono segreti al popolo. E infatti, sua Maestà non apparirà che il secondo giorno, per assistere all’inizio del torneo di lotta tradizionale, di adulti e bambini.
Per questa occasione,  gli abitanti dei villaggi si distribuiscono su una grande radura intorno al perimetro di quello che è considerato il terreno di lotta, mentre il Re si sistema con i suoi sotto la tettoia montata per l’occasione.

leggi anche Gris-gris senegalesi: tra Islam e magia

I lottatori (fino a un massimo di 29 anni), sono divisi per villaggio. Il trofeo sarà l’onore apportato al proprio villaggio. Alcuni dei bambini che dovranno combattere hanno ancora il pannolone e una coda ornamentale. I giovani adulti, invece, sono rasati e hanno qualche gris-gris in più: ma tutti, indistinguibilmente, portano legata alla caviglia la corteccia di palma. Accanto a loro ci sono poi gli “inquadratori”, busto nudo e pareo nero e blu: sulla trentina, non possono più lottare, e sostengono i più giovani.

Sambu Sene è lì con suo figlio: «si chiama Dan, ha 4 anni e oggi ha vinto 10 volte su 10! Non li facciamo allenare prima, è un modo per vedere se sono dei buoni lottatori e dunque se farli continuare su quella strada o no», afferma orgoglioso. Da qui, la scuola di lotta più vicina è al villaggio di Cabrousse, a meno di 10 kilometri. Nella lotta di Oussouye non c’è la box, e anche per questo è diversa da quella di Dakar.

Guarda anche La foto della settimana: nell’arena della lotta senegalese

Nel terzo giorno continueranno gli incontri di lotta di bambini e giovani, mentre il quarto ad affrontarsi saranno le donne: fino alla chiusura della festa e, dunque, all’arrivederci all’anno prossimo.

Guarda la galleria di foto:

IMG_5629
IMG_5491
IMG_5494
IMG_5496 (1)
IMG_5497
IMG_5501
IMG_5507
IMG_5516
IMG_5519
IMG_5520
IMG_5522
IMG_5550
IMG_5548
IMG_5544
IMG_5541
IMG_5533
IMG_5527
IMG_5556
IMG_5573
IMG_5575 (1)
IMG_5577
IMG_5579
IMG_5580
IMG_5581
IMG_5635
IMG_5636
IMG_5641
IMG_5644
IMG_5648
IMG_5652
IMG_5657
IMG_5667
IMG_5721
IMG_5723
IMG_5738
IMG_5748
IMG_5629  IMG_5491  IMG_5494  IMG_5496 (1)  IMG_5497  IMG_5501  IMG_5507  IMG_5516  IMG_5519  IMG_5520  IMG_5522  IMG_5550  IMG_5548  IMG_5544  IMG_5541  IMG_5533  IMG_5527  IMG_5556  IMG_5573  IMG_5575 (1)  IMG_5577  IMG_5579  IMG_5580  IMG_5581  IMG_5635  IMG_5636  IMG_5641  IMG_5644  IMG_5648  IMG_5652  IMG_5657  IMG_5667  IMG_5721  IMG_5723  IMG_5738  IMG_5748

Luciana De Michele

Leave a Comment

Email (will not be published)