Elezioni in Gambia/ 3. Oggi il voto in Gambia: fine di un regime?

Post By RelatedRelated Post

Dopo due settimane di campagna elettorale, i gambiani si recano oggi alle urne per decidere se farla finita con il presidente Yaya Jammeh…

Campagna contro Yaya Jammeh…ma saranno veramente loro a determinare le sorti del Paese? Ci proveranno dalle 8 alle 17, inserendo una biglia di vetro nel contenitore cilindrico del candidato prescelto. Tanti, dentro e fuori dal Gambia, stanno sperando in queste ore che il copione che vede Yaya Jammeh proclamarsi vincitore indiscusso e presidente per la quinta volta e dopo 22 anni di regime non si ripeta di nuovo. Coloro che sperano in un cambiamento, ne hanno visto i segni nelle mobilitazioni iniziate ad aprile scorso, nell’animata propaganda su social media contro il dittatore (basti pensare ai numerosi twitter, tra cui #JammehMustGo e #GambiaDecides), nelle ipotetiche reazioni avverse  agli insulti che Jammeh avrebbe pronunciato a giugno contro gli esponenti della più numerosa etnia del paese, quella mandinga, (da lui definiti come “stranieri” e “nemici” con toni e minacce incendiari) e in un’opposizione che si presenta per la prima volta come un fronte unito all’appuntamento elettorale.

Il problema è che se anche il popolo votasse veramente in modo libero contro Jammeh, bisognerà fare i conti con i presunti gambiani arrivati a votare dal Senegal e dalla Casamance e che esprimeranno la loro scelta in seggi gestiti dall’esercito, con la possibilità di eventuali brogli (il governo ha rifiutato l’ingresso agli osservatori della Cedeao – Comunità degli Stati dell’Africa Occidentale – e dell’Ue) e con l’intenzione di Jammeh, secondo blogger e giornalisti gambiani, di interrompere l’elettricità da oggi per qualche giorno.

A differenza degli altri anni il conteggio dei voti saranno fatti immediatamente nei seggi dopo la chiusura delle urne. I risultati provvisori potrebbero già sapersi dunque stanotte. Nell’attesa dei risultati e soprattuto del dopo voto, è la foto della settimana proposta oggi ad esprimersi: è stata scattata a Dakar durante un sit-in di protesta di esiliati gambiani e senegalesi, ad aprile scorso.

Sullo stesso argomento:

Il Gambia di Yaya Jammeh in campagna elettorale

Elezioni in Gambia/2: il reportage del 2011 da Banjul

 

Luciana De Michele

Leave a Comment

Email (will not be published)