Casamance, tra mistica e tradizione/1: le danze rituali nel villaggio di Oussouye

Post By RelatedRelated Post

Il nostro viaggio fotografico verso i luoghi significativi del Senegal approda oggi nell’alta Casamance, la regione meridionale del Paese: quella più suggestiva, ricca di risorse naturali e misteriosa.

È un mistero, il suo, che affascina, e che lo straniero percepisce nel momento in cui approda in questa parte di Senegal: unica subtropicale, che ti accoglie con le sue lussureggianti foreste dai grandi alberi e con i suoi manghi. Qui la popolazione ha conservato più che in altre zone la propria cultura e religione tradizionale. Sebbene la maggior parte si sia da tempo convertita all’Islam o al Cristianesimo, i casamancesi (per lo più diola) hanno conservato i loro culti e pratiche locali.

Inoltrandosi tra i villaggi della Casamance, non è raro dunque imbattersi in danze, rituali e feticci. Questi ultimi, insieme ad altri oggetti e luoghi sacri spesso intimamente legati alla natura e alle foreste, risultano di frequente invisibili al viaggiatore occidentale, che può passarci davanti senza vederli o riconoscerli.

Se abbiamo già parlato del rituale di iniziazione del  boukout a Kartiak (leggi e guarda le foto Boukout: l’iniziazione segreta nei boschi sacri della Casamance), a cui ho partecipato nel 2013 nel dipartimento di Bignona (a nord della regione), la foto della settimana di oggi vi porta a Oussouye, villaggio poco lontano da Ziguinchor (sud), visitato durante quello stesso viaggio. Ad accogliermi all’arrivo, due danze rituali dei giovani del villaggio: ragazzi senegalesi che lasciano da parte i loro jeans per indossare tessuti locali, amuleti in pelle e accessori fatti con fibre naturali e oggetti moderni, come cd musicali. Proprio questi elementi testimoniano all’attento osservatore il melange costante in Africa tra il vecchio e il nuovo, tra gli elementi endogeni locali e quelli esogeni, che provengono dall’esterno o da altri tipi di società: avvezzi come sono gli africani a svuotare del significato originale un oggetto e ad attribuirne uno nuovo, in questo caso tutto senegalese.

A voi le foto degli eventi. Da non perdersi la prossima puntata nello stesso villaggio, in compagnia del suo re: il solo rimasto in Senegal e l’unico a conservare il suo ruolo tradizionale locale, seppure all’interno di una Repubblica!

Guarda la galleria di foto:

IMG_4761
IMG_4762
IMG_4767
IMG_4771
IMG_4777
IMG_4779
IMG_4781
IMG_4786
IMG_4790
IMG_4796
IMG_5415
IMG_5428
IMG_5422 (1)
IMG_5433
IMG_5434
IMG_5442
IMG_5383
IMG_5384
IMG_5391
IMG_5393 (1)
IMG_5403
IMG_5406 (1)
IMG_5409
IMG_4761 IMG_4762 IMG_4767 IMG_4771 IMG_4777 IMG_4779 IMG_4781 IMG_4786 IMG_4790 IMG_4796 IMG_5415 IMG_5428 IMG_5422 (1) IMG_5433 IMG_5434 IMG_5442 IMG_5383 IMG_5384 IMG_5391 IMG_5393 (1) IMG_5403 IMG_5406 (1) IMG_5409

Luciana De Michele

Leave a Comment

Email (will not be published)